Omniroma-ENERGIA, RADICALI: “REGIONE NON APPLICA SUE LEGGI SU EFFICIENZA”

(OMNIROMA) Roma, 17 GEN – “In un contesto di risorse economiche limitate, il modo migliore per aiutare l’ambiente è consumare meglio l’energia, evitando di sprecarla. …E l’efficienza energetica è anche un settore promettente per la riqualificazione e lo sviluppo di settori
produttivi-chiave in termini di occupazione e competitività del sistema
Paese e della Regione Lazio, che con la Legge Regionale n.6 del 27 maggio 2008 ha già rilanciato le norme nazionali sull’efficienza degli edifici pubblici e privati. La legge prevede requisiti specifici per le nuove
costruzioni e si delinea un sistema di incentivi regionali agli interventi
negli edifici privati. Regione Lazio dunque prima della classe per eco
sostenibilità?”. Lo dichiarano in una nota i Consiglieri regionali Giuseppe
Rossodivita e Rocco Berardo, gruppo Lista Bonino Pannella – Federalisti
europei, che proseguono: “No, purtroppo, visto che ai propositi non ha fatto seguito il buon esempio proprio negli edifici regionali di Roma. Noi Consiglieri della Lista Bonino-Pannella, sulla base delle informazioni
raccolte fin qui, non abbiamo trovato traccia, per la sede del Consiglio
Regionale, della certificazione energetica obbligatoria per legge. Non solo: esiste evidenza che una ESCO (azienda specializzata in progettazione e realizzazione di interventi di efficienza energetica) abbia da tempo proposto un piano di messa a norma e a efficienza energetica dei locali della Pisana, eppure non risulta che la Regione abbia realizzato gli interventi proposti.
Forse perché si trattava di interventi finanziariamente onerosi per le casse già malate dell’amministrazione? Macché. Le Esco propongono interventi in cui il cliente non anticipa neanche un euro, perché si impegna a restituire l’investimento, rinunciando a una parte dei successivi risparmi di bolletta. Quanto vogliamo aspettare allora, perché la Regione applichi la sua stessa legislazione in tema di risparmio energetico? E lanci anche attraverso i Comuni un programma di messa in efficienza dell’intero patrimonio edilizio pubblico? Questi i motivi per i quali abbiamo depositato un’interrogazione urgente alla Giunta, che chiede le ragioni dell’inerzia della Regione Lazio, sollecitando subito la messa a norma e a efficienza della sede della Pisana, affinché sia il primo passo di un piano di adeguamento energetico degli edifici pubblici di tutto il Lazio. Tutto questo
è possibile, basta che la Giunta lo voglia senza anticipo di denaro
pubblico, e con vantaggi immediati per l’ambiente e per le bollette
pubbliche”.

Posted on: 17 Gennaio 2011, by :