Perché un commissario governa la Asl Rm A?

Dichiarazione dei Consiglieri Regionali Giuseppe Rossodivita e Rocco Berardo, Lista Bonino Pannella Federalisti Europei:

E’ ormai dal 24 novembre 2010 che la Asl Roma A vive una strana situazione: da quel giorno, infatti, invece di avere un Direttore Generale nominato dalla Giunta, a governare quell’Azienda Sanitaria c’è un Commissario Straordinario, sempre nominato dalla Giunta. Ma perché? E’ questo che abbiamo chiesto alla Presidente Renata Polverini attraverso un’interrogazione depositata alcune settimane fa.

A questa domanda però la giunta ha preferito fare come sempre fa, non rispondere. Fino a oggi, quando trasmettendo l’ordine del giorno della Riunione Giunta ci avvisa che ci sarà un “commissariamento dell’Azienda Unità Sanitaria Locale Roma A per un ulteriore periodo di novanta giorni”.

E’ evidente che il motivo per cui si procede ancora una volta con il commissariamento, anziché procedere alla nomina di un Direttore Generale, sia l’aggiramento di una causa di incompatibilità. Il comma 9 dell’art. 3 del D. L.vo 502/92 prescrive che la carica di Direttore Generale è tra l’altro “incompatibile … con l’esistenza di rapporti anche in regime convenzionale con la Unità Sanitaria Locale per cui sono esercitate le funzioni … è altresì incompatibile con la sussistenza di un rapporto di lavoro dipendente, ancorché in regime di aspettativa senza assegni …”;

Il Dott. Camillo Riccioni, nominato ancora una volta commissario straordinario, è da circa 10 anni dipendente dell’Azienda USL RM A con incarico di Direttore dell’UOC Angiologia presso il Presidio Nuovo Regina Margherita; la mera volontà politica di nominare il dott. Riccioni quale vertice amministrativo del Azienda USL RM A non è di per sé idonea a giustificare il commissariamento dell’ Azienda; il susseguirsi di proroghe “ponte” del commissariamento, originate solo dalla condizione di incompatibilità del dott. Riccioni, e quindi in mancanza dei presupposti di fatto e di diritto, realizza in capo alla Giunta una attività illegittima idonea a prestare il fianco alla verifica di legalità della magistratura ordinaria e amministrativa.

Per questo continuiamo a chiedere alla Giunta quali siano le ragioni di fatto e di diritto giustificative il commissariamento della Azienda Unità Sanitaria Locale Roma A e quali motivazioni hanno impedito la nomina di un Direttore Generale dell’Azienda medesima che non versi in situazioni di incompatibilità di cui al comma 9 dell’art. 3 del D. L.vo 502/92.

Posted on: 9 Settembre 2011, by :