Roma-Latina, depositata proposta di legge per istituzione commissione d’inchiesta sull’affaire

Dichiarazione dei Consiglieri regionali Giuseppe Rossodivita e Rocco Berardo, Lista Bonino Pannella Federalisti Europei

Abbiamo depositato questa mattina una proposta di legge per l’istituzione di una commissione d’inchiesta sull’Affaire Roma-Latina affinché sia fatta luce su una vicenda che da anni vede contenziosi legali con ingenti oneri a carico dei cittadini laziali e praticamente nulla della grande opera autostradale.

A nostro avviso le Giunte regionali che si sono succedute in queste ultime tre legislature sono gli artefici e i responsabili di danni che dovranno pagare i cittadini del Lazio a fronte, ad esempio, della recente sentenza del lodo arbitrale fra il Consorzio 2050 e la Regione Lazio che vede quest’ultima condannata al pagamento di 43 milioni di euro per violazione degli obblighi di buona fede e correttezza.

Questa Commissione di inchiesta, che non comporterà oneri aggiuntivi in quanto si prevede l’utilizzo delle strutture e del personale già a disposizione della Commissione Lavori pubblici e nessuna indennità o benefit aggiuntivo per i consiglieri regionali chiamati ad esserne componenti, dovrà procedere al recupero di tutta la documentazione esistente in relazione alla costituzione della Arcea Lazio spa e della Autostrade del Lazio spa, alla scelta dei soci privati, alla documentazione relativa alla progettazione dell’opera ivi compresi i dati relativi agli oneri sostenuti, nonché ai ricorsi pendenti presso l’autorità giudiziaria amministrativa.

La commissione potrà richiedere l’audizione di componenti della Giunta regionale e convocare i soci, gli amministratori, i componenti degli organi di revisione contabile, nonché i dirigenti e funzionari delle società, siano essi in carica o cessati dal mandato alla data di entrata in vigore della legge di istituzione della commissione stessa, nonché consultare ed acquisire ogni utile informazione anche da parte di privati cittadini.

La commissione, nel corso dei propri lavori, qualora ravvisi estremi di reati, provvede direttamente alla trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica e al termine dei lavori presenta al Consiglio regionale una dettagliata relazione sulla quale, entro due mesi dalla data di consegna, è convocata una seduta straordinaria del Consiglio regionale per l’adozione di eventuali provvedimenti.

Auspichiamo che, nell’interesse della collettività, si voglia presto fare luce su tutta questa vicenda e si proceda quindi, innanzi tutto, alla calendarizzazione in Aula di questa proposta di legge.

Posted on: 23 Marzo 2012, by :